schermata-2016-09-29-alle-09-58-56

Quanto dipende da noi il turismo di qualità?

img-20160928-wa0001

Questo il titolo dell’incontro, organizzato da Skal Club Venezia, che si è tenuto all’interno di Ca’Rezzonico nel Museo del Settecento Veneziano lo scorso 27 settembre in occasione della Giornata Mondiale del Turismo.

Da cosa dipende la qualità dell’accoglienza? Quanto incide il contesto? E quanto la singola azienda? A queste e molte altre domande hanno provato a rispondere diversi esponenti del settore del turismo e della cultura. E’ emerso che il turismo sostenibile è quello capace di rispondere alla motivazione del viaggiatore con offerte autentiche, valorizzando l‘identità dei luoghi e favorendo le possibilità di incontro con i locals.

La comunicazione turistica avrà un ruolo sempre maggiore e incentrato sulle storie delle persone, per questo motivo lo storytelling è la modalità che meglio di ogni altra può accorciare le distanze tra il turista e la destinazione di viaggio. Le comunità locali possono oggi diventare protagoniste e promotrici del turismo ed è quindi necessario creare strategie in grado di coinvolgerle attivamente.

L’incontro si è chiuso con la proposta da parte di Ermanno Bonomi, Presidente SKAL Toscana e Manager della Rete CORE, di organizzare una grande conferenza internazionale per dettare una carta dei doveri del turista.

La sigla S.K.A.L. è formata dalle parole Sundhet (Salute), Karlek (Amicizia), Alder (Lunga vita) e Lycka (Felicità). E’ su questi valori che nel 1934 è stato fondato il Movimento: Skal come collante per tutti coloro che lavorano nel settore del turismo. Lo Skal è un club che riunisce i professionisti del turismo, è presente in ben 87 Paesi, con circa 500 Club e oltre 18 mila iscritti. In Italia il Movimento si è sviluppato nel dopoguerra ed oggi conta 10 Club con più di cinquecento iscritti. Lo Skal International Venezia è stato fondato a Venezia il 10 aprile 1951. I soci del club di Venezia sono al momento una settantina e provengono, oltre che dal centro storico, anche dalle Province di Treviso, Padova e Verona. Sono titolari di attività della filiera del turismo, da albergatori a tour operator ma anche giornalisti del turismo e consulenti.

tabpostfb

Vuoi lavorare nel turismo? A Siena inizia un corso gratis a ottobre

tabpostfb

Se hai tra i 18 e i 29 anni e vuoi lavorare nel turismo continua a leggere!

Di corsi e corsetti nel settore ce ne sono anche troppi in Italia ma sono pochi quelli veramente professionalizzanti e con inserimento in azienda. Uno di questi partirà ad ottobre a Siena, formerà tecnici per la comunicazione, promozione e marketing turistico e culturale ed è un’opportunità davvero da non perdere!

Prima di tutto perché è un corso “serio”, inserito nell’ambito di GiovaniSì della Regione Toscana e di durata biennale. In secondo luogo perché è completamente gratuito! Inoltre, cosa importantissima, include un periodo di lavoro in aziende del settore in modo da applicare quanto appreso in aula. A proposito dell’aula: i docenti provengono principalmente dal mondo imprenditoriale per dare al corso un taglio operativo e aderente alle esigenze, in continua evoluzione, del mercato turistico internazionale.

Fai veloce, le iscrizioni chiudono il 6 ottobre.

Per partecipare contatta l’Istituto Tecnico Superiore (ITS) di Siena
Contatti: 0577-40394 – SIIS000400l@istruzione.it
Segui la pagina Facebook!

Rete Core, case study sulle reti d’impresa nel Rapporto sul Turismo Italiano 2015/2016

rapporto_turismo_2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Rete Core entra a far parte del Rapporto sul Turismo Italiano 2015/2016 come caso studio sulle reti d’impresa! Nel capitolo dedicato a questa nuova forma di aggregazione imprenditoriale abbiamo cercato di spiegare i vantaggi e le opportunità di fare rete, soprattutto per le piccole imprese turistiche che oggi si trovano ad affrontare molteplici sfide. Tra queste l’adeguamento e la competitività a livello digitale, elemento su cui Rete Core lavora da anni offrendo servizi e supporto su misura.

Il Rapporto sul Turismo Italiano, pubblicato da oltre trent’anni, è un ampio documento che illustra lo stato dell’arte del settore proponendo nuovi scenari e strumenti innovativi per affrontare un mondo sempre più globale, caratterizzato da un incremento di flussi provenienti dai paesi emergenti ed esigenze dei viaggiatori sempre più sofisticate. In questa XX edizione l’Italia è chiamata a definire nuove strategie per valorizzare e rilanciare la propria competitività rispetto alle nuove destinazioni. Il quadro generale, ricco di dati, analisi, ricerche e casi studio cerca di cogliere le tendenze di lungo periodo ma anche i fenomeni emergenti che potrebbero dare vita a nuovi trend.

La pubblicazione è  a cura di Emilio Becheri e Giulio Maggiore con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.
A
cquistabile su Turistica.

Destination Concierge: fare turismo non è mai stato così semplice

La Rete Core è il primo network di imprese e professionisti della Toscana esperti in strategie di sviluppo e marketing turistico rivolte a operatori pubblici e privati. Le 44 imprese che ne fanno parte, che a loro volta ne coinvolgono altre sotto forma di associazioni o consorzi, rappresentano in forma aggregata l’intero settore turistico: dalla ricettività alla ristorazione, dall’organizzazione di eventi alla promo-commercializzazione, dall’informatica alla comunicazione web, dalla formazione al sociale…Il nostro sforzo costante è cercare di creare quante più collaborazioni e sinergie possibili tra le nostre imprese ed è per questo che abbiamo creato il Destination Concierge, uno strumento unico per lo sviluppo delle imprese pubbliche e private. Ecco qui sotto in cosa consiste:

Cosa ne pensate? Il Destination Concierge è adattabile alle singole esigenze ed ogni servizio può essere venduto singolarmente: contattateci per fissare un incontro e vi spiegheremo ogni dettaglio!

Il destination Concierge è stato realizzato grazie alla collaborazione con Connectis S.r.l. e Travel Appeal.

ComunicaCORE: Juri ci racconta il suo lavoro di Social Media Manager

juri

Abbiamo chiesto ai membri del nostro team ComunicaCORE di raccontarci come lavorano e quali servizi offrono alle imprese per migliorare la loro presenza online.

Juri è esperto in gestione dei Social Media, tiene corsi aziendali sia individuali che di gruppo.

Oggi tutti parlano di social media e si arrangiano ad utilizzarli, te cosa ne pensi?

“I Social Media hanno bisogno di un’attenta pianificazione, di un piano editoriale coerente, di contenuti originali, di una pubblicazione ed interazione con il pubblico costante, di una conoscenza adeguata dei pannelli pubblicitari e di un monitoraggio dati attraverso appositi strumenti. Serve una strategia precisa, sia per una grande azienda sia, sopratutto, per una piccola impresa. Su questo si basano tutti i miei corsi.”

Quando un’azienda ti contatta per la gestione di un Social qual’è la prima cosa che fai?

“Prima di tutto faccio uno studio ed analisi delle esigenze: quale è l’obiettivo che l’azienda vuole raggiungere con il corso? Quale è il suo livello attuale di conoscenza dei canali social? Poi, in base al calendario stabilito insieme organizzo alcune giornate di formazione/laboratorio presso l’azienda”

Prendiamo ad esempio Facebook: quali sono i contenuti dei tuoi corsi?

“I contenuti principali sono:

  • Introduzione al Social Media Marketing ed al marketing su Facebook
  • Facebook: Il piano editoriale, il pubblico target ed il ritorno sull’investimento
  • Le categorie di post + focus su Instagram: Real life streaming
  • Conoscete Facebook business? Laboratorio di advertising + case histories
  • Affiancamento: compiliamo il piano editoriale

Ovviamente mi occupo di tutti i social quindi lo schema è simile anche per Twitter e Snapchat”

 

Grazie Juri e buon lavoro!

Laboratorio di Storytelling e Scrittura digitale all’Università di Prato

Corso_storytelling_scrittura_web

Oggi si parla molto di Storytelling ma come si fa? Due giorni di laboratorio pratico per sviluppare un progetto di narrazione personale, di brand, azienda o territorio. Presso il WemPark dell’Università di Prato.

Perché seguire il corso?
Per capire:

  • Che cos’è un racconto aziendale e come si costruisce;
  • Quali sono i canali di comunicazione idonei su cui far vivere i racconti d’impresa;
  • Come e perché usare il blog in una strategia di content marketing.

Questo corso vi darà nozioni e strumenti concreti per raccontarvi sul web attraverso:

Testimonianze e case study: per capire cosa funziona e cosa non funziona sul web;
Attività di laboratorio con esercizi di scrittura web: porta il tuo pc/tablet e lavoriamo insieme!

PROGRAMMA PRIMA GIORNATA DEL 3 MAGGIO 2016
(dalle ore 10 alle 17, con un’ora di pausa pranzo)

LO STILE DELLA SCRITTURA E LO STORYTELLING PER IL WEB

Individuare il messaggio
Scrivere l’oggetto: creare contenuti efficaci
Scrivere il titolo: essere coerenti con il testo
Progettare e scrivere a più livelli di approfondimento
Selezionare le informazioni per selezionare il destinatario
Tag, metatag, keyword, link
Storia personale e aziendale: elaborazione per il web
Storytelling: creare una comunicazione autentica
Conoscere lo schema per progettare la storia
Visual Storytelling: Pinterest, Instagram e le Infografiche
COSA IMPARERAI: come applicare le regole della scrittura digitale e realizzare testi efficaci, come trasformare un’esperienza in una storia da raccontare attraverso contenuti emozionali

PROGRAMMA SECONDA GIORNATA DEL 10 MAGGIO 2016
(dalle ore 10 alle 17, con un’ora di pausa pranzo)

L’IMPORTANZA DEI BLOG IN UNA STRATEGIA DI CONTENT MARKETING

Identità del blog: chi sono e a chi mi rivolgo
Personal e corporate blog: differenze e obiettivi
Definizione di stile e di registro
I contenuti che funzionano e gli errori da evitare
L’armonia tra testo e grafica e l’utilizzo delle immagini
I post tematici, le rubriche, i guest post
Principi di SEO
Content marketing: creare post che generano condivisioni
Destination marketing: come raccontare il proprio territorio
Creare un calendario editoriale
Esercizi di scrittura per target specifici
COSA IMPARERAI: come e perché realizzare un blog, come creare e pianificare i contenuti da pubblicare attraverso il calendario editoriale secondo una strategia di content marketing

PREZZO:

80 Euro per gli studenti iscritti alla Digital Community;
120 Euro per coloro che sono iscritti alla Digital Community;
160 Euro per coloro che non sono iscritti alla Digital Community.
A FINE CORSO VERRA’ RILASCIATO UN ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

PER ISCRIZIONI: www.wempark.org/education – segreteria@wempark.org

Digital Lab 2016

Logo_Core              dotFlorenceLab               logo cescot nuovo

La Rete Core e Dot Florence vi invitano ad iscrivervi a:

Digital Lab per imprese turistiche 2016 – Web Marketing, Emozioni, Storytelling per imprenditori turistici 2.0

Un corso per implementare le proprie strategie di marketing e di comunicazione dedicate al settore turistico.

Il percosro è dedicato ai gestori di strutture ricettive, guide turistiche, ristoratori, tour operator, manager pubblici del settore turistico e addetti alla comunicazione.

Il corso è organizzato a moduli di 3 ore, una volta la settimana, da scegliere secondo i propri interessi o come corso completo di 15 moduli.

Per conoscere ed iscrivervi al programma completo: DIGITAL LAB 2016

Per conoscere ed iscrivervi al primo modulo del 13 aprile: IL MARKETING E LE SUE DECLINAZIONI

Web Marketing Emozionale e Storytelling: un corso gratuito per imprese turistiche

Schermata 2016-02-23 alle 16.18.44

Mercoledì 24 Febbraio 2016 (ore 15-18 @ Hotel Adriatico a Firenze) sarà dedicato al tema del web marketing emozionale e dello storytelling per il turismo.

Ogni operatore turistico nel 2016 infatti deve conoscere l’evoluzione del concetto di marketing da quello “relazionale” a quello “emozionale”,dal “werrilla (web+guerrilla ndr) marketing” al “content marketing”, fino al “marketing collaborativo”.

Per questo motivo, in occasione del dotFlorence Lab di Febbraio, parleremo delle strategie di marketing che mettono al centro il turista, e concentreremo la nostra attenzione sulle emozioni che lo motivano alla scelta di un viaggio soffermandoci sulle storie che rendono unica una destinazione turistica o una struttura ricettiva.

Fare storytelling turistico significa comunicare la propria autenticità e unicità (USP, UVP) al mercato incentivandone la condivisione e associando il proprio brand all’esperienza positiva provata dal visitatore.

Obiettivo del laboratorio sarà – come sempre – quello di fornire strumenti, teorie e tecniche per perseguire gli obiettivi di ogni imprenditore turistico ovvero: aumento del tasso di occupazione, aumento del prezzo medio, aumento del fatturato disintermediato attraverso un approccio olistico al revenue management (dove anche lo story telling – come vedremo – gioca un ruolo molto importante).

Il corso gratuito è rivolto a: gestori di strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere, guide turistiche, amministratori locali, gestori di ristoranti

Docenti:

Marco de la Pierre – fondatore dotFlorence Lab, responsabile sviluppo dotFlorence network: apartmentsinflorence.net, studentsville.it,bedandbreakfastflorence.com, dotflorencerealestate.com

Eva Pratesi – Giornalista esperta in scrittura digitale e storytelling, responsabile di progetti di comunicazione e web editing nel settore turistico, coordinatrice della Rete d’imprese turistiche “CORE Tourism Network”

Ermanno Bonomi – Sociologo del turismo, esperto in marketing turistico, già direttore Apt di Firenze e Pisa ed ex dirigente della Regione Toscana, manager della Rete d’imprese turistiche “CORE Tourism Network”

Atrium Network – Staff di avvocati specializzati nella privacy online

AIA – Associazione Italiana Albergatori

La Rete CORE a Prato per un incontro su Storytelling e Turismo: come scrivere e raccontarsi sul web

WEMPARK_19_2

Venerdì 19 febbraio la Rete CORE sarà presso il WeM ParK di Prato per un incontro di due ore dedicato all’evoluzione del marketing, allo storytelling turistico e alla scrittura digitale. 

I viaggi sono storie. I viaggi ci emozionano, ci coinvolgono e ci cambiano, proprio come le storie.

Il turismo è esperienza ed il mercato vuole esperienze che sono possibili solo grazie ad una buona strategia di content marketing. Oggi è fondamentale conoscere l’evoluzione del concetto di marketing per creare strategie che mettono al centro il turista, facendo leva sulle emozioni che lo motivano alla scelta di un viaggio e sulle storie che rendono unico un territorio. Lo storytelling è una tecnica narrativa che attraverso specifici codici comunicativi attribuisce senso creando empatia. Saperlo utilizzare significa comunicare autenticità, associando il proprio brand ad esperienze riconoscibili per favorirne la condivisione.

Il Pill è tenuto da Eva Pratesi, giornalista freelance e web content editor, cofondatrice e coordinatrice di “Core Tourism Network”, una delle prime Reti d’imprese turistiche in Italia, un network di imprenditori e professionisti che, uniti insieme, generano idee innovative ed integrate nel campo della comunicazione, della promozione, del marketing e dello sviluppo turistico.

Sarà presente come ospite Ermanno Bonomi (ex dirigente del turismo della Regione Toscana), co-ideatore della BTO-buy tourism on line, sociologo del turismo, docente universitario e manager della rete “Core Tourism Network”.

Il Pill è GRATUITO ed è RISERVATO agli iscritti alla Digital Community. Non sei ancora iscritto alla Digital Community? Iscriviti a questo link: http://www.wempark.org/sponsor-and-digital-community/

Ti ricordiamo che l’iscrizione alla Digital è gratuita per gli studenti dell’ateneo fiorentino.

PER ISCRIVERSI: Conferma la tua presenza inviando un’email a segreteria@wempark.org